domenica 26.10.2014
caricamento meteo
Sections

Dal 3 luglio al 13 settembre la XII edizione dell’Emilia Romagna Festival

Tornano gli esclusivi appuntamenti estivi all’insegna dell’eccellenza musicale e dell’incanto dei luoghi
Dal 3 luglio al 13 settembre la XII edizione dell’Emilia Romagna Festival

Manifesto dell'edizione 2012 di ERF

Emilia Romagna Festival è pronta a rispondere alla crisi con l’offerta di un programma di altissima qualità, che coinvolge suggestive location di 40 comuni e 4 province, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, e con un titolo che per questa edizione è quanto mai significativo “Il concerto si farà”.

E i concerti si faranno in angoli di Emilia-Romagna spesso poco conosciuti, in molti casi aperti al pubblico unicamente in queste occasioni, ma capaci di lasciare un ricordo indelebile: dal Cardello, casa museo del poeta Oriani, ai luoghi dell'infanzia di Rossini, dal Palazzo Fantini di Tredozio all’Abbazia di Pomposa, dall’Abbazia di San Mercuriale alle tante rocche della regione, la maestosa Rocca di Imola, o i piccoli gioielli come le Rocche di Riolo Terme o di Bagnara di Romagna fino all’Arena delle balle di paglia di Cotignola.

Il direttore artistico Massimo Mercelli, grazie alla collaborazione e al sostegno di istituzioni pubbliche e private, è riuscito a confezionare un programma ricco, variegato, di assoluta qualità, in cui alle grandi stelle del panorama musicale e artistico si affiancano giovani formazioni vincitori di concorsi internazionali, imponenti orchestre sinfoniche e pregiate formazioni da camera, prime esecuzioni assolute di celeberrimi autori contemporanei, in molti casi coprodotte da ERF, e ricercati brani del repertorio classico.

estratto dallo spot

 

Guarda lo spot della XII edizione del Festival.

Il Festival parte martedì 3 luglio a Forlì con la celebrazione dei cinquant’anni del minimalismo, con il concerto del fondatore e principale esponente della corrente Michael Nyman. Il grande compositore e pianista inglese apre la stagione con un programma speciale dove accanto alle colonne sonore che lo hanno reso celebre nel mondo, presenta in prima e unica data italiana “Cine Opera”, un minuzioso intreccio di immagini reali raccolte da Nyman stesso come in un diario visivo durante decenni di tournée a contatto con le più diverse culture.

Michael Nyman, star di questa edizione, oltre a inaugurare il festival con la sua band, si esibirà in anteprima ad Imola, il 2 luglio, in un concerto di beneficenza “The Piano Sings”, il cui ricavato sarà interamente devoluto alla popolazione emiliana colpita dal sisma.

Emilia Romagna Festival celebra i cinquant’anni dalla nascita del minimalismo anche con altri concerti sparsi nel cartellone 2012, con musiche di Nyman e di un altro amico e ospite del Festival, Philip Glass, a cui è dedicato il concerto d’auguri “Glass 75” con una serata speciale che vede interpreti tre solisti d’eccezione, Claudio Astronio all’organo, Allar Kaasik al violoncello e Massimo Mercelli al flauto (20 agosto, Imola).

Tra gli altri artisti internazionali di questa edizione si segnalano: la grande musica dell’orchestra da camera residente nel Festival 2012 de I Solisti di Perugia, protagonista il 5 luglio a Imola con il violino solista di Massimo Quarta nel concerto che celebra con musiche di Corelli e Vivaldi i cinquant’anni della fondazione del Museo Diocesano, e il 10 settembre, diretta da Alberto Batisti, in un programma tutto dedicato a Johann Sebastian Bach in coproduzione con la Sagra Musicale Umbra (10 settembre, Forlì); la prima italiana de “Il Flauto di Bach” produzione ERF che vede il celebre pianista Ramin Bahrami, considerato internazionalmente tra i più interessanti interpreti bachiani viventi, esibirsi insieme al flauto di Massimo Mercelli (18 luglio, Abbazia di Pomposa); sempre nel segno di Bach, il concerto della Cappella Augustana, noto ensemble diretto da Matteo Messori, con la presenza del soprano Olga Lehmann Balashova (24 luglio, Abbazia di Pomposa); il concerto “Musica in Villa” con protagonisti due affermati virtuosi internazionali, Alexander Hülschoff al violoncello e Andreas Frölich al pianoforte (2 settembre Casola Valsenio); e la grande Noa Noaaccompagnata dal suo storico chitarrista Gil Dor, insieme alla prestigiosa Filarmonica Arturo Toscanini, sotto la direzione di Ilian Mochiach, in un concerto speciale, il 14 agosto, per festeggiare i primi 100 anni della celebre località balneare della costa romagnola, Milano Marittima.


Il programma omaggia anche il bel canto, nella regione italiana da sempre culla dell’opera lirica: nella splendida cornice di Villa La Babina due affermate protagoniste del panorama lirico, il soprano Paola Antonucci e il mezzo soprano Marianna Vinci, accompagnate dai Solisti del Teatro Regio di Parma in “Donne all’opera” (1 settembre, Sasso Morelli); e ancora spazio alle voci con il Coro Costanzo Porta in un programma raffinatissimo dedicato al coro da camera tra ‘800 e ‘900 (4 settembre, Forlì).

Anche quest’anno l’ERF propone dei percorsi intrecciati tra musica, teatro e immagini, con la sua straordinaria capacità di mescolare generi ed esperienze. Storia e tradizione vanno in scena con i testi di Pino Aprile e le musiche di Eugenio Bennato, nello spettacolo “A sud”, dove la questione meridionale è trattata sfidando i luoghi comuni, in una ricerca storica sul passato e sul presente del Mezzogiorno italiano (6 luglio, Imola). Moni Ovadia, ospite e amico anche in passate edizioni del Festival, offre un ritratto del mondo chassidico portando in scena “Il registro dei peccati”, un recital-reading per racconti, melopee, narrazioni e storielle (11 luglio, Imola). Altro ritorno è quello del violoncellista Ramon Jaffé, artista poliedrico, affiancato da Arturo “El Polaco” alla chitarra flamenca e dalla danza di Miguelete in uno spettacolo di flamenco che mescola classico, tradizione popolare e contemporaneo, con una seconda parte dedicata all’improvvisazione e al colloquio con il pubblico nella scenografica Arena delle balle di paglia di Cotignola (29 luglio).

A fianco dei grandi e riconosciuti artisti si possono apprezzare i giovani talenti che crescono grazie anche all’appoggio e al riconoscimento di Festival come questi. Sul fronte del jazz si esibirà il gruppo Marta Del Grandi Quartet (9 agosto, Abbazia di Pomposa); per la sezione Primo Premio!, che dà spazio a nuovi talenti premiati nei più importanti concorsi nazionali ed esteri, i quattro appuntamenti con il Calidore String QuartetCalidore String Quartet, vincitore del Fischoff Chamber Music Competition 2011 di South Bend (USA), che debutta in Italia proprio all’Emilia Romagna Festival (27 agosto a Forlì; 28 agosto a Budrio; 29 agosto ad Imola; 30 agosto alla Rocca San Casciano) e i premiati al Concorso Internazionale di Musica da Camera “Salieri-Zinetti” 2011 di Verona, il duo sassofono pianoforte Arakelyan - Korolev (26 luglio, Imola).

Nel segno di una programmazione di straordinaria eterogeneità sarà anche il concerto di chiusura che vedrà giovedì 13 settembre nella suggestiva e centrale Piazza della Molinella a Faenza, la Filarmonica Arturo Toscanini, diretta dalla prestigiosa bacchetta di Israel Yinon, esibirsi in un repertorio sinfonico e concertistico di '800 e '900, affidato a grandi solisti, con una nuova composizione in prima nazionale di Ennio Morricone. Il brano è stato composto da Morricone per celebrare il 60° anniversario dell’Associazione Europea dei Festival (EFA), di cui Massimo Mercelli, direttore artistico di ERF, è vice presidente.
L’evento unico e di grande prestigio segna inoltre l’apertura della versione “invernale” del Festival, che si svolgerà da settembre 2012 a primavera 2013, nello storico Teatro Masini di Faenza.

Premio ERF alla carriera
Assegnato nelle precedenti edizioni al leggendario Maxence Larrieu e a Quirino Principe, quest’anno sarà consegnato a Catherine Spaak. Con questo riconoscimento, Emilia Romagna Festival intende omaggiare i grandi protagonisti della scena artistica internazionale, che con il loro genio onorano la musica e le arti.
Il premio sarà consegnato in una speciale serata in musica, con il pianoforte del giovane e talentuoso Martin Kasik il 26 agosto a Tredozio. Si potrà vedere la bellissima Catherine Spaak anche nella nuova versione del poema musicale “Il Piccolo Principe” in prima nazionale. Il capolavoro di Saint-Exupéry sarà raccontato come una fiaba della sera, seguendo le piccole orme del Principe sui pentagrammi per flauto e pianoforte con le musiche di compositori contemporanei fra i più noti e amati: Bacalov, Glass e Penderecki (24 agosto, Cesenatico).

Informazioni

Associazione Emilia Romagna Festival
Via Cavour, 48 - Imola
Telefono: 0542 25747 - mail: info@erfestival.org - web: www.erfestival.org.

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/06/2012 — ultima modifica 20/06/2012
< archiviato sotto: , , , , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it