venerdì 31.10.2014
caricamento meteo
Sections

Il Ballet dell’Opéra National de Paris al Ravenna Festival con i fasti della scuola francese (24 giugno)

Celebri étoiles, brillanti primi ballerini, solisti in ascesa, promesse del corpo di ballo in un programma in cui si rincorrono pas de deux, assoli e piccoli ensemble
Il Ballet dell’Opéra National de Paris al Ravenna Festival con i fasti della scuola francese (24 giugno)

Alessio Carbone

Giovani stelle del balletto per rinverdire i fasti della scuola francese. Dieci i protagonisti tra celebri étoiles, brillanti primi ballerini, solisti in ascesa, promesse del corpo di ballo, tutti provenienti dal leggendario Ballet dell’Opéra National de Paris: Delphine Moussin, Myriam Ould Braham, Muriel Zusperreguy , Mathilde Froustey, Marine Ganio, Josua Hoffalt, Alessio Carbone, Florian Magnenet, Simone Valastro, Francois Alu.

Il Ballet de l’Opéra National de Paris affonda le sue radici in più di tre secoli di storia. Culla della danza classica nata con il regno di Luigi XIV che istituì, nel 1661, l’Académie Royale de Danse (dove vennero stabiliti i principi di base ed i codici ai quali si fa riferimento ancora oggi per posizionare il corpo o eseguire i passi), l’Opéra di Parigi ha assimilato nel corso del tempo gli elementi dei periodi successivi: ha conosciuto i grandi voli delle silfidi, le eteree creature del Romanticismo, ed è stata attraversata dall’uragano magico dei Balletti Russi di Sergeij Diaghilev.
Il Balletto dell’Opéra si è sempre affermato come una compagnia di repertorio e durante questi ultimi cinquant’anni ha presentato al mondo le creazioni dei nomi più importanti della coreografia internazionale: Serge Lifar, George Balanchine, Maurice Béjart, Roland Petit, Merce Cunningham, John Neumeier, Carolyn Carrlson, William Forsythe, Alvin Nikolais e Alvin Ailey.
Ancora oggi, nel rispetto della sua doppia vocazione di custode della tradizione classica e di laboratorio aperto alla modernità, il Balletto dell’Opéra continua a rappresentare il suo repertorio alternando repliche a nuove creazioni. E il programma del Gran Gala “Gran Pas Classique”, firmato da Laurent Hilaire, è stato ideato nel rispetto di questa filosofia.
Sul palco del Pala De Andrè di Ravenna, il 24 giugno, sarà un trionfo di pas de deux, assoli e piccoli ensemble.
Dorothee Gilbert

Rievoca il secolo d’oro del balletto lo squisito romanticismo della "Sylphide" e di "Giselle", preludio ai virtuosismi imperiali russi del "Lago dei cigni" e de "Le Corsaire". Il Novecento porta le firme di George Balanchine per il fulgido "Cˇajkovskij Pas de Deux" e di Rudolf Nureyev con la sua versione di "Romeo e Giulietta", mentre fra i maestri francesi spicca Maurice Béjart con "Arépo". Tra le rarità "Fiamme di Parigi", esempio di tecnicismo sovietico; tra le perle "Études", summa di rigore accademico.

 

Programma

La Sylphide
Coreografia di August Bournonville - musica di Herman Severin von Lovenskjold - interpreti: Marine Ganio e Simone Valastro
Giselle
Coreografia di Marius Petipa – musica di A. Adam - interpreti: Muriel Zusperreguy e Josua Hoffalt
Il lago dei cigni (estratto dal III atto passo a due del Cigno nero)
Coreografia di Marius Petipa – musica di P. I. Tchaikovsky - interpreti: Florian Magnenet e Myriam Ould Braham
Coppelia
Coreografia di M. Baryshnikov – musica di L. Délibes - interpreti: Mathilde Froustey e François Alu
Arlesienne
Coreografia di Roland Petit – musica di Georges Bizet - interpreti: Delphine Moussin e Alessio Carbone(Intervallo)
Adagietto
Coreografia di Oscar Araiz – musica di Gustav Mahler - interpreti: Marine Ganio e Simone Valastro
Romeo e Giulietta
Coreografia di Rudolf  Nurayev – musica di Sergei Prokofiev - interpreti: Muriel Zusperreguy e  Josua Hoffalt
Don Quichotte
Coreografia di Y. Grigorovich – musica di L. Minkus - interpreti: Mathilde Froustey e François Alu
Il lago dei cigni (estratto dal III atto passo a due del Cigno bianco)
Coreografia di Marius Petipa – musica di P. I. Tchaikovsky - interpreti: Florian Magnenet e Myriam Ould Braham
Arepò
Coreografia di Maurice Béjart - musica U. Le Bars - interprete: Alessio Carbone
La morte del cigno
Coreografia di Michel Fokine - musica di Camille Saint-Saëns - interprete: Delphine Moussin
Études
Coreografia di Harald Lander – musica di Carl Czerny, studi per pianoforte - interpreti: tutti.

Questa eccezionale serata di gran danza rientra nell’ambito del Ravenna Festival, alla sua XXIII edizione.

Informazioni

Ravenna Festival
telefono 0544 249211 – email: info@ravennafestival.org – web: www.ravennafestival.org
Acquista il biglietto online

Articoli correlati

Link

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/06/2012 — ultima modifica 21/06/2012
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it