domenica 19.11.2017
caricamento meteo
Sections

A Puerilia con lo sguardo dei bambini si esplora l'arte del racconto

Spettacoli, dialoghi, istallazioni e laboratori per adulti e ragazzi nella V edizione della manifestazione diretta da Chiara Guidi
A Puerilia con lo sguardo dei bambini si esplora l'arte del racconto

Chiara Guidi

Una scuola del primo Novecento diventata teatro: è la sede della quinta edizione di "Puerilia", le giornate di puericultura teatrale dirette da Chiara Guidi che si svolgono a Cesena dal 1 al 25 maggio. Realizzata da Socìetas Raffaello Sanzio – con il sostegno del Comune di Cesena/Assessorato alla Cultura e Promozione e della Regione Emilia Romagna, "Puerilia" è un incontro tra arte e infanzia, tra il teatro e la scuola che si snoda attraverso spettacoli, racconti, film, dialoghi, laboratori, installazioni e una festa finale.

L'edizione 2015 è articolata intorno a una domanda sul racconto come “varco che mette al mondo”. “Puerilia è un luogo dove, da alcuni anni, ho nascosto una domanda, sempre la stessa eppure sempre diversa, che lega l’arte alla cultura dei bambini. Quest’anno la domanda interroga il racconto. ‘Come può l’arte del racconto resistere allo sguardo dei bambini?’” – dice Guidi – “Il racconto, come Puerilia lo intende, apre un varco. E per aprirlo non è sufficiente descriverlo, ma occorre recitarlo, cioè farlo, sapendo bilanciare le proprie forze e imparandone la misura da soli. Come cercano di fare i bambini quando si apprestano a conoscere le cose del mondo.”

Gli spettacoli, i film, i laboratori al Teatro Comandini

Chiara Guidi prosegue nel rendere manifesto il processo di creazione del suo teatro per l’infanzia - messo a punto con la Socìetas Raffaello Sanzio da più di vent’anni – coinvolgendo attori, bambini e insegnanti intorno al "metodo errante". Quest'esperienza viene portata nel programma di Puerilia con l’allestimento dello spettacolo "La terra dei lombrichi. Una tragedia per bambini" da Alcesti di Euripide, in scena sabato 9 maggio e domenica 10 maggio. Si tratta di una forma teatrale aperta, che viene allestita dai partecipanti al laboratorio del metodo errante e che ha cioè bisogno dei bambini per comporsi e per compiersi. Questi, guidati dalle figure della narrazione – ispirate alla tragedia di Alcesti che scende nelle viscere della terra per poi tornare – entrano letteralmente dentro lo spazio dell’azione e determinano l’andamento della vicenda con le loro decisioni o con i loro interventi. L’avventura li porterà a conoscere i lombrichi, che di continuo rivoltano la terra e rivelano con questa azione la possibilità di far tornare in superficie ciò che è sepolto.
Con il riallestimento di "Buchettino", la Socìetas Raffaello Sanzio offre al pubblico di Puerilia la possibilità di partecipare a uno spettacolo dal carattere unico sulla scena internazionale (16 e 17 maggio). pueriliaAccolti nella semioscurità di una grande camera da letto in legno, gli spettatori vengono invitati a sistemarsi in piccoli letti per ascoltare una narratrice (in alternanza Chiara Guidi e Silvia Pasello) leggere le peripezie di Buchettino, illustrate unicamente da una traccia acustica. Completa il programma degli spettacoli un lavoro che festeggia anch'esso il ventennale: “Con la bambola in tasca” del Teatro delle Briciole/Solares Fondazione delle arti, che va in scena domenica 17 maggio, è ispirato alla favola di Alexander Afanasiev con protagonista una bambina nel suo processo di iniziazione.
Al Comandini avranno anche luogo i laboratori di Chiara Guidi - "Sono qui dietro di te" per insegnanti e "Il metodo errante" rivolto ad attori - e l‘appuntamento con il progetto Freddanotte che il 23 maggio propone il cinema animato di Simone Massi - “animatore resistente”, un disegnatore che coltiva amore per la natura e la civiltà contadina - e musica dal vivo, per una notte di visione, ascolto e ballo.

Gli appuntamenti alla Biblioteca Malatestiana e al [NON]Museo

Novità della quinta edizione di Puerilia è la collaborazione con il [NON]Museo e con la Biblioteca Malatestiana di Cesena. Qui si svolgono i due dialoghi che nascono dal laboratorio permanente Libertà di movimento, dove insegnanti, artisti e genitori che s’incontrano per fare esercizio su didattica e ricerca artistica. "Bambini che pensano, leggono, narrano tanto" (8 maggio) con Franco Lorenzoni e Roberta Passoni, maestri, e con Céline Le Roux,  fondatrice del festival per l'infanzia Micro Mondes di Lione, e "Il varco del racconto" con Viviana Gravano (15 maggio) sono entrambi realizzati in collaborazione con Katrièm Associazione.
La Biblioteca Malatestiana Ragazzi, ospita inoltre il ciclo “Nel varco del racconto. Letture da raccontare” a cura di Chiara Guidi con la collaborazione di Paolo Zanfini. Da martedì 5 a venerdì 8 maggio si svolgono letture (ad opera di Teresa Maria Federici, Margherita Pieri, Elena Tappi, Paolo Zanfini) di racconti legati ai nodi affrontati nello spettacolo "La terra dei lombrichi". Dopo l'ascolto, i bambini saranno coinvolti nella pratica fondante del raccontare il loro racconto, trovando così la possibilità di varcare sia la soglia dell’azione scenica, in teatro, sia quella della reinvenzione di una storia, tra gli scaffali della biblioteca.
Puerilia 2015 avvia anche una relazione con il [NON]Museo, centro di arte e cultura contemporanea di Cesena, e l’Associazione Katrièm che lo ha fondato. Un laboratorio per bambini sull’arte contemporanea "Capire l’arte?", due installazioni partecipative e il videodocumentario di Alcantara Teatro "Filosofare" sul pensiero infantile compongono il programma delle iniziative.

 

Informazioni e prenotazioni
Spettacoli, racconti, dialoghi e laboratori di Chiara Guidi
Socìetas Raffaello Sanzio - Cesena
Tel. 0547 25566 (lun.-ven. dalle 9.00 alle 17.00) – email: prenotazioni@raffaellosanzio.org  
Pagina Facebook Puerilia

Sezione Il [NON]Museo per Puerilia
Katrièm Associazione – Cesena
Tel. 329 2291306 / 392 4144689 - email: info@nonmuseo.it / info@katriem.it 

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/04/2015 — ultima modifica 28/04/2015
< archiviato sotto: , , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it