sabato 16.12.2017
caricamento meteo
Sections

“L’Emilia e una notte” si racconta alla Corte Ospitale di Rubiera

Fino al 21 luglio serate di musica e teatro con due anteprime e una prima nazionali.
“L’Emilia e una notte” si racconta alla Corte Ospitale di Rubiera

La Corte Ospitale di Rubiera

Sotto le stelle, nei suggestivi spazi del Chiostro principale, del Chiostrino e della Sala Sassi della Corte Ospitale di Rubiera si tiene, fino al 21 giugno, “L’Emilia e una notte”, rassegna che offre quest’estate otto appuntamenti con la musica e il teatro.

Due sono le anteprime nazionali in cartellone: giovedì 9 giugno, l’atteso “La sorella di Gesucristo”, terzo capitolo della "Trilogia della provincia" di Oscar De Summa. Lo spettacolo, nuova produzione La Corte Ospitale, segue il successo nazionale del precedente monologo di De Summa, “Stasera sono in vena”, che da Rubiera ha preso il via per un tour nazionale che ha toccato diverse città italiane, e che è entrato in finale ai Premi UBU 2015 come migliore novità italiana. “La sorella di Gesucristo”, che De Summa porta in scena ancora una volta in forma di monologo, è una storia tanto semplice quanto terribile. Una ragazza prende in mano una pistola Smith & Wesson 9 millimetri e attraversa tutto il paese per andare a sparare al ragazzo che la sera prima, il venerdì santo della passione, l’ha costretta a subire una violenza. Una camminata semplice, determinata, senza appelli, pubblica, rivelatrice di pregiudizi e retroterra emotivi e culturali dell’Italia anni ’80, che chiama a una riflessione non semplicistica sul tema della vendetta.

Ancora un’anteprima nazionale, giovedì 23 giugno con “Quante storie!” di David Riondino. Lo spettacolo è prodotto da Epoché ArtEventi e porta in scena due forti personalità, Vauro e Barbara Alberti. Ripercorrendo le loro autobiografie e trasformandole in un unico, grande, racconto, i due protagonisti disegnano un ritratto dell'Italia recente attraverso la rilettura delle figure del potere e con il supporto di molteplici strumenti narrativi – letteratura, vignette, reportage su carta stampata e proiezioni video.

Giovedì 16 giugno, nel Chiostro principale, è la volta della prima nazionale di “Anima Bella”, concerto in forma teatrale. Prodotto dal Teatro dei Venti, con testi di Vincenzo Scalfari e regia di Stefano Tè, lo spettacolo intreccia, e contamina vicendevolmente, due linguaggi – quello della musica, rappresentato dall’impasto sonoro del gruppo Zambra Mora, e quello della parola, rappresentato dall’attrice Oksana Casolari – per farne un racconto zingaro che unisce la cultura spagnola e quella mediorientale. Seguendo le vicende di un popolo nomade che disconosce l'esistenza delle frontiere e modella la sua identità attraverso l'incontro con l'alterità, lo spettatore si trova a disposizione ricchi assaggi di sonorità etniche che spaziano dalla musica orientale al flamenco, alla rumba, al tango, dallo klezmer ebraico allo swing manouche, il tutto colorito da musiche tradizionali balcaniche e zingare.

Quello che doveva essere l’evento di apertura della rassegna , il concerto di Iskra Menarini, è stato rinviato causa mal tempo a lunedì 20 giugno, alle ore 21.30 nel Chiostro. La storica vocalist di Lucio Dalla, presenta la tappa zero del suo nuovo “Ossigeno Tour 2016”. Sul palco, accanto a Iskra Menarini, ci sono Fabio Leonardi alla batteria, Daniele Bagni al basso, Gianluca Tagliavin alle tastiere e al pianoforte, Thomas Romano con la chitarra e Luca Antolini che cura il boundesign del live e la parte ritmica electro.

Giovedì 23 giugno, alle 20:00 nella Sala Sassi, Silvia Gribaudi, coreografa e performer, presenta in forma di studio il nuovo spettacolo “R.osa”. La performance di danza è prodotta dalla stessa Corte Ospitale, da Qui e Ora residenza teatrale e da Armunia studio e vede a fianco di Silvia Gribaudi la performer Claudia Marsicano in uno spettacolo che è un virtuosismo atletico al femminile in cui il corpo della donna "osa" esplorare spazi in movimenti non convenzionali per esprimere, con ironia dissacrante, il ruolo sociale della donna.

Martedì 5 luglio “L’Emilia e una notte” si sposta in centro storico di Rubiera, dove in Piazza Gramsci, alle 21:30, va in scena “Pentesilea”, teatro di strada proposto dal Teatro dei Venti. Con la regia di Stefano Tè, sullo sfondo della battaglia di Troia, lo spettacolo racconta l'incontro, lo scontro e l'amore tra Achille e Pentesilea, regina delle Amazzoni, ed è un atto unico per due trampolieri - Antonio Santangelo e Francesca Figini - che snodano il gioco scenico attraverso un contrappunto continuo di azioni dinamiche, accompagnati da suoni ritmati di due grossi tamburi medioevali suonati dal vivo.

Mercoledì 13 luglio, alle 21:30, siamo di nuovo nel Chiostro principale della Corte Ospitale, scenario questa volta di un duo comico, Walter Leonardi e Flavio Pirini, e del loro “Fondamentalmente avevamo voglia di vederci – chiacchierpillar live”. Lo spettacolo miscela dialoghi e canzoni, riflessione e risate, temi esistenziali e situazioni di tutti i giorni, poesia naif e ironia tagliente, satira colta e battute grevi da clown, chitarra e ukulele, il raffinato mondo cantautorale di Pirini e la bravura di attore monologhista di Leonardi.

Chiude la rassegna giovedì 21 luglio l’incontro nel Chiostrino con Giuliana Musso, che alle 21:30 presenta testimonianze e altri materiali dell'indagine fatta per la produzione di "Mio eroe", nuovo spettacolo della Corte Ospitale dedicato alle madri dei giovani soldati italiani morti durante le missioni di pace. Quello con Giuliana Musso è un incontro teatrale intimo: il piccolo chiostro accoglie un massimo di 30 spettatori, per cui si consiglia la prenotazione .

Agli otto appuntamenti si aggiungono nove spettacoli di giovani compagnie che hanno partecipato al bando “Forever Young”, progetto sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e dalla Regione Emilia-Romagna per la promozione e il sostegno al nuovo teatro emergente.

Informazioni

La Corte Ospitale
Via Emilia Est, 5 - Rubiera (RE) Italia
0522 621133 - www.corteospitale.org

Azioni sul documento
Pubblicato il 07/06/2016 — ultima modifica 09/06/2016
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it