martedì 25.04.2017
caricamento meteo
Sections

“Cantico dei Cantici” di Virgilio Sieni a Reggio Emilia il 7 e 10 ottobre

Al Teatro Cavallerizza anche “Canti”, esito del progetto di formazione per giovani danzatori. Il 2 e 3 ottobre

Sul “Pianeta Pensante” del Festival Aperto di Reggio Emilia atterrano due lavori di Virgilio Sieni, e si tratta di due prime assolute. “Cantico dei Cantici”, in scena al Teatro Cavallerizza il 7 e 10 ottobre, è la nuova produzione della Compagnia Virgilio Sieni, preceduta , il 2 e 3 ottobre, da “Canti”, momento di pubblica visione della fase finale di un progetto di formazione sui linguaggi della danza contemporanea rivolto ai giovani e giovanissimi danzatori di età compresa tra i 10 e i 19 anni.

La coreografia di “Cantico dei Cantici” trae ispirazione dal libro conosciuto come Cantico di Salomone, il più sublime tra i cantici, dove confluiscono, a partire dal IV secolo a.C., poemi mesopotamici. Scrive Sieni a proposito di questo nuova creazione, prodotta da Fondazione I Teatri di Reggio Emilia:
“Qualcosa accade in una pianura d’oro, tavola dove si svolge l’azione. Corpi che si definiscono attraverso il bagliore della luce che sempre si muove tra notturno e penombra. Tutto si articola attraverso otto momenti: idilli pastorali, frammenti sull’amore in forma di adiacenza, vicinanza e tattilità. Nel silenzio tagliente, vacuum lucreziano.
La proliferazione continua del gesto tende a creare uno spazio scheggiato dove la danza perduta di uomini e donne, stravolge i corpi che insieme tendono a costruire la fisicità di un luogo primordiale e primitivo. Si odora di origine. Una canzone a due voci che risuona in tutti i corpi. Piacere, dolcezza e tormento dei gesti. S’intravede nella penombra un pascolo odoroso di corpi. Otto momenti che indagano, se è possibile, e se così si può dire, il vuoto sacrale che non nega niente e annuncia qualcosa con le sue membra”.

Gli interpreti di “Cantico dei Cantici” sono Luna Cenere, Claudia Caldarano, Riccardo De Simone, Maurizio Giunti, Giulia Mureddu, Davide Valrosso. Le musiche originali eseguite dal vivo dall’autore sono di Daniele Roccato.

Sarà un altro musicista, il percussionista Michele Rabbia, ad affiancare la direzione artistica di Sieni e ad accompagnare i giovani danzatori di “Canti”, l’esito del progetto formativo di Sieni che sarà in scena, in prima assoluta, al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, domenica 2 ottobre alle 17:00 e alle 19:00. Il giorno successivo, lunedì 3 ottobre, ci sarà una seconda replica riservata alle scuole.

Finalizzato alla creazione di una coreografia inedita ispirata al “Cantico dei Cantici”, prodotto da Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, il progetto aveva come fulcro dello studio l’incontro e l’ascolto, ovvero il percorso compositivo di vicinanza tra un danzatore e l’altro attraverso tecniche fondate sul gesto che precede il contatto e poi sul contatto, la tattilità, la ricerca di un arcipelago di dinamiche e risonanze. Le percussioni di Rabbia, appassionato di danza e convinto sostenitore del suono inteso come relazione e delle percussioni vissute come tessitura di un tappeto sonoro più che un’esibizione “muscolare”, accompagneranno dal vivo i danzatori nella corale azione coreografica, che sfida la forza della gravità e i limiti delle articolazioni.
www.virgiliosieni.it  

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/09/2016 — ultima modifica 20/09/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it