domenica 20.08.2017
caricamento meteo
Sections

Dal 5 all’8 ottobre, la nona edizione di roBOt Festival

Arti, culture, tecnologie e musiche digitali tornano a Bologna

Torna a Bologna l’appuntamento autunnale con la musica elettronica e le arti digital, dal 5 all’8 ottobre, si svolge infatti la nona edizione di roBOt, quest’anno in programma all'ex Ospedale dei Bastardini di Bologna, con un party di chiusura al Cassero di via Don Minzoni.

Il tema di questa nuova edizione è WHAT COMES NEXT, perché quello che si prospetta per il festival si può considerare l’inizio di un nuovo percorso.
Cambia infatti il contesto – location e dimensioni - ma non gli obiettivi da perseguire: la passione e la ricerca del nuovo, nella musica e nelle arti.

Il Festival si apre con una sorpresa: “The Repetition of Dreams” ovvero lo sleep concert di Rabih Beaini, concerto per far viaggiare la mente quando la mente è a riposo, con incastri in perenne divenire tra strati di suono, voci, rumori, per investigare il rapporto causa-effetto tra musica e sogni. Nella notte tra mercoledì 5 e giovedì 6 ottobre, l’artista italo-libanese produrrà il suo concerto su 4 canali che andrà avanti fino al risveglio mattutino. Lo spettacolo è stato concepito per un massimo di 50 persone ed è già sold out.

Tra i nomi più attesi spicca Hieroglyphic Being, il nuovo volto della techno più ortodossa e contemporaneamente compositore sperimentale tra i più arditi. Stesso spirito che anima il percorso di un altro grande visionario Space Dimension Controller. E ancora techno con la leggenda di Detroit Stingray 313 che propone un dj-set che ripercorre i passi che hanno reso grande il genere. E ancora, Aurora Halal con un set dalle parti dell'esperienza audiovisuale; The Dwarfs Of East Agouza in una jam senza confini; The Grasso Brothers, campioni del funk; The Analogue Cops, con i loro vinili e l’amore per il suono analogico.
C'è poi chi passa per la prima volta da ROBOT: Petit Singe, con la sua elettronica percussiva, e Inner Lakes. E c’è chi torna: Memoryman e Paolo Iocca; Primitive Art; Quiet Ensemble, con la versione stand alone della loro opera più luminosa, the Enlightenment; Evil Twin con un nuovo live show;  Cinzia Campolese in mostra ad Adiacenze; Nudge e NAS1.

Sul versante show audio/video: Lumisokea, Rabih Beaini + Vincent Moon, Presente + Andrea Masciadri. Tra fantasmi cyberpunk, loop visuali, rituali da indurre allo stato di trance, panorami psichici, ritratti 3.0: ogni barriera tra immagine e suono si sgretola.

Con RBT09 torna anche la stretta collaborazione con Red Bull Music Academy, quest’anno con una mostra e una lecture.

“Beyond The Noise” è una mostra fotografica che si concentra sul prima e il dopo del live show e che inaugura il 5 ottobre presso l'ex Ospedale dei Bastardini. La lecture, stessa data e stessa location, vede protagonista Jamal Moss in “A Conversation With Hieroglyphic Being”.

roBOt Festival è un progetto di Shape, realizzato con il patrocinio e il sostegno di Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna e Bologna Unesco City of Music.

Informazioni

roBOt Festival
Digital Paths into music and art
www.robotfestival.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/09/2016 — ultima modifica 30/09/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it