venerdì 28.07.2017
caricamento meteo
Sections

Arrivano dal mare! Con 32 compagnie di burattini e più di 50 spettacoli

41a edizione del Festival Internazionale dei Burattini e delle Figure, in Romagna dal 20 al 25 settembre

“Arrivano dal mare!” Pulcinella, Punch, Petrushka, Fagiolino, Sandrone e Sganapino, i burattini della 41a edizione del Festival Internazionale dei Burattini e delle Figure, con un repertorio che, dagli inizi dell'Ottocento a oggi, si è costantemente rinnovato, traendo linfa dalla tradizione ma realizzando sempre più spesso una drammaturgia contemporanea.
Il Festival, che si svolge tra Ravenna, Gambettola, Longiano, Gatteo e Montiano, dal 20 al 25 settembre, è tra i più frequentati  e antichi d’Italia.

rosso cappuccettoSi inaugura ufficialmente il 20 settembre a Ravenna, alle 21:00 alle Artificerie Almagià, con “Rosso Cappuccetto”, l’ultima produzione della compagnia parmense Teatro delle Briciole con la regia di Emanuela Dall'Aglio e Mirto Baliani due protagonisti della scena internazionale del Teatro di Figura.

Ma a restituire uno spaccato del Teatro di Figura italiano ad oggi arrivano in Romagna, in questa settimana, tutte le più grandi compagnie italiane con le loro ultime produzioni – tra i tanti, Teatro Gioco Vita, il Teatrino dell’Es, Romano Danielli, Drammatico Vegetale/Ravenna Teatro – e celebri compagnie europee come Titeres Etcétera e La Puntual/Eugenio Navarro dalla Spagna e dalla Francia il Theatre Chignolo Guignol.

Un progetto speciale è al centro di questa 41a edizione del Festival il cui tema è “Il Teatro nelle Mani. I burattini, una grammatica antica specchio dei tempi", esplorato attraverso incontri, workshop e spettacoli della tradizione mediterranea, francese e italiana. Dal piemontese Bruno Niemen, ai bolognesi Romano Danielli e Mattia Zecchi, al lombardo Walter Broggini, alla romagnola Famiglia Monticelli, ai napoletani Bruno Leone e Irene Vecchia, al sardo Tonino Murru.  La domanda che sottende a questa esplorazione è: “Cosa collega fra loro tradizioni antiche di spettacolo (ancora vivacissime ovunque) e quale segreta struttura ne determina il successo e l’efficacia?” La risposta è nella mano e nell’opponibilità del pollice, le dita che rappresentano naturalmente la figura umana. Nei movimenti possibili delle dita sono contenuti un linguaggio e una “grammatica”, universalmente compresi e applicati. La maestria e la fantasia dei burattinai hanno rivestito la mano e ne hanno fatto un burattino, diverso per colori, espressione e carattere. Pulcinella, Punch, Petrushka, Fagiolino, Sandrone e Sganapino sono varianti di questo antico “format” ancora efficace e attraente.
Di “grammatica delle mani” si parla anche nel Colloquio internazionale - 22 e 23 settembre alla sala Fellini di Gambettola - dedicato all’esplorazione di questo antico “format” e alla capacità di rinnovare continuamente il repertorio, con studiosi (storici del teatro, antropologi e neuroscienziati) come Eloi Recoing e Didier Plassard, assieme a ricercatori come Luigi Allegri, Alfonso Cipolla, Vittorio Gallese e Michele Guerra. Ma soprattutto portano il loro contributo di sapienza esperienziale, con dimostrazioni e comunicazioni, artisti come Mimmo Cuticchio, Gaspare Nasuto ed Eugenio Monti Colla.

Informazioni

Festival Internazionale dei Burattini e delle Figure Arrivano dal Mare
392 6664211 - info@teatrodeldrago.it - www.teatrodeldrago.itwww.arrivanodalmare.it  

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/09/2016 — ultima modifica 20/09/2016
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it