lunedì 23.10.2017
caricamento meteo
Sections

“Anatomia” di Simona Bertozzi al Teatro Félix Guattari di Forlì

Il 7 aprile nell’ambito della Stagione di Contemporaneo del Teatro Diego Fabbri
 “Anatomia” di Simona Bertozzi al Teatro Félix Guattari di Forlì

Anatomia - Compagnia Simona Bertozzi - Nexus - foto Dario Bonazza

“Anatomia”, lo spettacolo della danzatrice e coreografa bolognese, costruito in dialogo con le musiche e live electronics di Francesco Giomi e la visione teorico-compositiva di Enrico Pitozzi, arriva al Teatro Félix Guattari di Forlì venerdì 7 aprile alle ore 22, accompagnato dal grande successo ottenuto al Rasi di Ravenna, dove ha debuttato un anno fa.

“Anatomia”, uno dei lavori più recenti, originali e coinvolgenti della Compagnia Simona Bertozzi / Nexus si avvale dello sguardo di Enrico Pitozzi, elemento essenziale della creazione dello spettacolo che vede la protagonista in dialogo con il compositore e musicista elettronico Francesco Giomi: "Il nostro confronto in scena prenderà forma attraverso volumi, pulsazioni e “radure” sonore. Momenti di incontro e di allontanamento, sempre tesi a un ascolto delle reciproche fisicità: biologica e musicale". Aggiunge la coreografa e danzatrice, in merito alla genesi di “Anatomia”: "Mi sono avvicinata a questo percorso di creazione con il desiderio di ridisegnare i contorni e le nervature di un mio pensiero sulla danza, il suo essere migrazione incessante di eventi tra impiego anatomico e vibrazioni di natura. È un paesaggio sempre in mutazione, quello in cui si compie il gesto. Un cammino dell’umano che si identifica con un attraversamento della complessità dell’agire in natura. Questa creazione” conclude Simona Bertozzi “arriva dopo aver elaborato diversi spettacoli con la presenza di più corpi di età diversa: è il ritorno a una danza che, pur nel generarsi da un solo corpo, possa tralasciare la singolarità e evocare un alfabeto più ampio di gesti e provenienze, penetrare nei chiaroscuri dello spazio e depositare la sensazione di altre presenze, possibili testimonianze di interrogazione al corpo”.

Come ha scritto Enrico Pitozzi, che firma la visione teorica-compositiva dello spettacolo: “Anatomia” nasce dall’incontro tra due corpi: uno biologico, l’altro sonoro. È il diagramma delle loro linee di forza, traiettorie e dislocazioni, fenditure nello spazio e forme in cui si dispiega il tempo: rapporti tra velocità e lentezza, questo il modo d’essere dell’anatomia. Anatomia è allora ciò che resta di questo incontro che avviene al limite dell’udibile, sul margine degli occhi, là dove si dispiegano tensioni in un continuo rapporto tattile tra la materia organica e quella sonora. Tagliare, incidere, dissezionare acusticamente il corpo e il suo spazio per far scaturire un’immagine: tale è la potenza, l’urto di questo incontro. Ciò che resta è una scena-paesaggio, una costellazione. Per coglierne il bagliore irradiante, per sentirne la vibrazione, non basta semplicemente ascoltare o guardare, servono un occhio e un orecchio impossibile”.

“Anatomia” si avvale del progetto luci e set spazio di Antonio Rinaldi e della voce di Mirella Mastronardi.

La serata al Teatro Félix Guattari, in programma nell’ambito della ricca Stagione di Contemporaneo del Teatro Diego Fabbri di Forlì, si aprirà alle ore 21 con "Ci vorrebbe quel sole che scalda le ossa" di Roberta Mosca.

Anatomia

Coreografia e danza di Simona Bertozzi
Musiche e live electronics di Francesco Giomi
Visione teorico-compositiva di Enrico Pitozzi
Progetto luci e set spazio di Antonio Rinaldi
Produzione Nexus 2016 in collaborazione con Tempo Reale
con il contributo di Mibact e Regione Emilia Romagna
Residenze creative Teatro Rasi, Ravenna, Centro Mousikè Bologna

Informazioni:

http://www.teatrodiegofabbri.it/contemporaneo-3.html

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/04/2017 — ultima modifica 04/04/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it