mercoledì 29.03.2017
caricamento meteo
Sections

“I puritani”, Bellini rivisitato da Francesco Esposito

Nuovo allestimento con Celso Abelo. A Modena, Piacenza e Reggio Emilia, dal 16 marzo al 2 aprile
“I puritani”, Bellini rivisitato da Francesco Esposito

I puritani e i cavalieri - bozzetto di scena

“I puritani e i cavalieri”, meglio conosciuto con il titolo breve I puritani”, è un melodramma serio in tre atti composto da Vincenzo Bellini su proposta del Théâtre-Italien di Parigi e con la collaborazione del librettista Carlo Pepoli, un nobile bolognese espatriato in Francia che per scrivere il libretto attinse al dramma storico “Têtes rondes et Cavaliers” di Jacques-François Ancelot e Joseph Xavier Boniface (noto con il nome Saintine).

Ora questo capolavoro di Bellini, in un nuovo allestimento curato dal Teatro Comunale di Modena dove il titolo non viene rappresentato da vent'anni, va in scena giovedì 16 marzo alle 20.00 al Teatro Comunale Luciano Pavarotti, con repliche domenica 19 marzo alle 15.30 e martedì 21 marzo alle 20.00.

L’allestimento è coprodotto dai teatri di Piacenza e Reggio Emilia, e le due città ospiteranno l’opera subito dopo Modena: il Teatro Municipale di Piacenza venerdì 24 marzo (ore 20.30) e domenica 26 marzo (ore 15.30); il Teatro Municipale Romolo Valli di Reggio Emilia giovedì 30 marzo (ore 20.00) e domenica 2 aprile (ore 15.30).

La regia dello spettacolo porta la firma di Francesco Esposito, che nelle note di regia illustra la sua visione dell’opera belliniana. “La mia lettura si cala consapevolmente nella dimensione culturale dell’Inghilterra del Seicento, al tempo di Oliver Cromwell, quando è ambientata la vicenda, senza nessun bisogno di attualizzare la storia. L'amore tra Arturo ed Elvira si intreccia con lo scontro politico fra il partito dei Puritani e quello degli Stuart, dopo la decapitazione di Re Carlo, ma è comunque una storia d’amore tra due giovani appartenenti a due mondi differenti, un rapporto amoroso in parte contrastato, così come potrebbe accadere oggi dall'incontro due ragazzi di etnie o religioni differenti”.

Il ruolo di Elvira, figlia di Lord Valton, è affidato al soprano russo Irina Lungu, voce di prestigio internazionale. Gli altri interpreti principali sono Celso Albelo nel ruolo del cavaliere degli Stuardi Lord Arturo Talbo, Fabian Veloz nel ruolo del colonnello puritano Sir Riccardo Forth, Nozomi Kato (Enrichetta di Francia, vedova di Re Carlo), Lorenzo Malagola Barbieri (Lord Gualtiero Valton, generale e governatore puritano), Luca Tittoto (Sir Giorgio, colonnello in ritiro e fratello di Lord Valton). Keon Woo Kim e Francisco Gonzales si alternano nel ruolo Sir Bruno Roberton, ufficiale puritano.

La parte musicale dello spettacolo è affidata a Jordi Bernàcer, direttore d’orchestra spagnolo (attualmente direttore residente dell'Opera di San Francisco), che per l’occasione dirigerà l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna. Il Coro è quello della Fondazione Teatro Comunale di Modena, diretto da Stefano Colò.

Le scene portano la firma del modenese Rinaldo Rinaldi, artista apprezzato a livello internazionale; le coreografie invece sono di Domenico Iannone e i costumi del regista Francesco Esposito: insieme, creano aspetti visivi dell’allestimento che ruotano attorno al mondo di castellani, damigelle, paggi, servi, araldi e armigeri di Lord Talbo e Lord Valton.

Nella breve carriera di Vincenzo Bellini l’opera “I puritani” figura come il canto del cigno, precedendo di poco l’inaspettata e drammatica morte del musicista appena trentaquattrenne: fu scritta nel 1834 e rappresentata per la prima volta in gennaio del 1835, al Théâtre de la comédie italienne di Parigi, Bellini morì in settembre dello stesso anno. Ma l’opera si rivelò subito un travolgente successo di pubblico, confermando in pieno il carattere basilare della poetica musicale di Bellini, secondo il quale il compito di un’opera è sostanzialmente quello di suscitare emozioni. E il trionfo del debutto andò oltre ogni più rosea aspettativa, come rivelano le parole dello stesso Bellini, che scrisse: “Mi trovo all’apice del contento!!! Sabato sera è stata la prima rappresentazione dei Puritani: ha fatto furore, che ancora ne sono io stesso sbalordito. Non credea scuotere, e nella prima sera, questi francesi, che poco comprendono la lingua, per metà al più possono gustare il mio genere; ma quella sera non mi parve trovarmi in Parigi, ma in Milano o in Sicilia… Il gaio, il tristo, il robusto dei pezzi, tutto è stato marcato dagli applausi, e che applausi, che applausi!”

 

Informazioni:

www.teatrocomunalemodena.it

www.teatripiacenza.it

www.iteatri.re.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/02/2017 — ultima modifica 28/02/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it