mercoledì 23.08.2017
caricamento meteo
Sections

Martha Argerich inaugura la rassegna Grandi Interpreti del Bologna Festival

Al Teatro Manzoni, domenica 19 marzo ore 20,30
Martha Argerich inaugura la rassegna Grandi Interpreti del Bologna Festival

Martha Argerich - foto Adriano Heitman

Sarà Martha Argerich, la grande pianista argentina, accompagnata dall’Ensemble ReEncuentros, ad inaugurare la rassegna Grandi Interpreti del Bologna Festival, alla sua 36ª edizione. Il concerto si svolgerà domenica 19 marzo ore 20.30, al Teatro Manzoni di Bologna.

Martha Algerich, ospite abituale della prestigiosa rassegna bolognese, è una pianista di statura eccezionale. Sin dagli esordi si è dedicata alla musica cameristica e si è esibita con le orchestre più prestigiose del mondo e con tutti i grandi direttori. Il suo repertorio, veramente ampio, va dagli autori classici ai romantici, con una predilezione per i brani più virtuosistici della letteratura pianistica dell’Ottocento e del Novecento. Altrettanto vasta è la sua discografia, che negli ultimi anni si è arricchita dei Concerti n.2 e n.3 di Beethoven e dei Concerti K.466 e K.503 di Mozart, incisi insieme a Claudio Abbado. Nel 2014 è uscito per Deutsche Grammophon il CD con musiche di Mozart, Schubert e Stravinskij eseguite in duo con Daniel Barenboim. Ha avuto riconoscimenti alla carriera di grande prestigio e numerosi premi della critica per le sue incisioni discografiche, tra cui un Grammy Award per i Concerti di Bartók e Prokof’ev e il Best Piano Concerto Recording of the Year per il suo Chopin.

In questo concerto la Algerich suonerà a fianco dell’Ensemble ReEncuentros, formato da musicisti provenienti da varie parti del mondo, e che ha debuttato nel giugno 2016 nell’ambito del “Progetto Martha Argerich”, promosso da Lugano Musica. Il repertorio dell’Ensemble spazia da Bach a Copland e Bernstein, lasciando largo spazio alle musiche dei più celebrati autori latinoamericani, e rappresenta anche lo specchio di un dialogo fra culture eterogenee. L’ensemble è composto da Anton Martynov, nato a Mosca, violinista, compositore e direttore d’orchestra; Lydia Chen Algerich, figlia della pianista, nata a Ginevra, che suona il violino dall’età di otto anni, Jorge Bosso violoncellista e compositore, Enrico Fagone, musicista eclettico, primo contrabbasso dell’Orchestra della Svizzera Italiana, ed infine il pianista Eduardo Hubert, compositore, direttore d’orchestra, didatta e ricercatore, che ha studiato al Conservatorio di Buenos Aires.

Il programma prevede l’esecuzione del terzo Quartetto per pianoforte e archi di Beethoven, nel Trio op.67 di Shostakovich e in brani di Schumann e Debussy per due pianoforti che vedranno impegnata la Argerich insieme a Eduardo Hubert. Completano il programma le “Canciones populares españolas” di Manuel de Falla nella trascrizione realizzata dal violoncellista Jorge Bosso per l’Ensemble ReEncuentros.

 

Informazioni:

www.bolognafestival.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 15/03/2017 — ultima modifica 15/03/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it