venerdì 17.11.2017
caricamento meteo
Sections

"Ci scusiamo per il disagio" alla Casa del Popolo di Castello d'Argile

Nell'ambito della stagione teatrale Agorà, Gli Omini e i treni persi nella vita, l’11 novembre
"Ci scusiamo per il disagio" alla Casa del Popolo di Castello d'Argile

Compagnia "Gli Omini"

Sabato 11 novembre, alle 21:00, nell’ambito di Agorà stagione teatrale curata da Elena di Gioia, arriva il primo spettacolo di un progetto triennale (Progetto T) prodotto nel 2015 dall’Associazione Teatrale Pistoiese e ideato e realizzato dalla giovane e talentuosa compagnia teatrale Gli Omini. Frutto di un lavoro quasi antropologico condotto alla stazione ferroviaria di Pistoia, tra storie dei passanti e degli habitué, lo spettacolo è una sorta di commedia all’italiana postmoderna, pessimista e realistica quanto bizzarra e divertita. Il titolo, squisitamente beffardo, ripete il mantra che accompagna in Italia il ritardo dei treni: “Ci scusiamo per il disagio”.

Ma lo spettacolo non si focalizza tanto sulle storie di gente che deve partire, piuttosto su quelle di chi guarda gli altri andare, di chi “abita” quei non-luoghi di passaggio che sono le stazioni, di chi ha da tempo perso il proprio treno, il treno metaforico della propria vita, e si confessa, si racconta, tra dolore e rimpianto, tra binari, treni che vanno e vengono, bar, panchine, annunci degli altoparlanti e piccioni cittadini. 
“Ci scusiamo” dunque racconta non tanto di treni e di stazioni quanto della variopinta umanità, che lì pare condensarsi più che altrove. Perché, come scrivono Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini, autori e interpreti dello spettacolo, “la stazione di una periferia non è solo un luogo di passaggio. Non è solo un momento di transito, non è solo un non-luogo. La stazione di una città piccola ha una sua identità, i suoi abitanti, le sue voci.”

“Il treno va, scomparirà sulle sue ruote rotonde dietro alle nuvole bionde - cantava Paolo Conte (la canzone è “Il treno”) - io sono qua, rimango qua in questa ruggine densa”. E agli esploratori/attori de Gli Omini interessa proprio quella “ruggine densa”, e per raccoglierla e setacciarla hanno fatto oltre centocinquanta interviste, rimanendo alla Stazione di Pistoia per un mese e incontrandovi la gente di ogni tipo: pendolari, ex carcerati, studenti, marchettari, gente che si sposta in treno perché non ha più la macchina, gente che alla stazione ci va per leggere, coppie di ogni genere, tossici, barboni suonatori di mandolino, controllori, vecchi manovratori. E da quelli più inquietanti a quelli più clowneschi, sembrano tutti personaggi usciti dalle opere del teatro dell’assurdo beckettiano, calato nella contemporaneità.

La stagione Agorà è promossa dalla Unione Reno Galliera, realizzata con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, con la direzione artistica di Elena Di Gioia e prodotta dall’Associazione Liberty.

 

Informazioni:

www.associazioneliberty.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/11/2017 — ultima modifica 08/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it