mercoledì 20.09.2017
caricamento meteo
Sections

Cantiere poetico per Santarcangelo

“Gli uomini sono strade”, 3° edizione dedicata a Nino Pedretti. Fino al 17 settembre
Cantiere poetico per Santarcangelo

Cantiere poetico - 3° edizione

Fino al 17 settembre è in corso la terza edizione di Cantiere poetico per Santarcangelo, un importante progetto del Comune di Santarcangelo pensato per riflettere sulla cultura della poesia che da molti decenni caratterizza la vita artistica e quotidiana della città e per approfondire e rinnovare nel tempo le relazioni fra la comunità e la sua identità poetica.

La kermesse, ospitata al Teatro Lavatoio e nelle piazze del paese e animata da numerosi ospiti del panorama letterario e musicale nazionale, è interamente dedicata alla poesia, vecchia e nuova, e a un poeta del luogo che quest’anno è Nino Pedretti, il più intellettuale dei poeti del movimento letterario “Circolo del giudizio”, definito da Carlo Bo “poeta per necessità in un tempo ricco di poeti per convenienza o per casuale coincidenza”.

Con Pedretti dunque si chiude un ciclo progettuale di tre anni (nel 2015 è stata la volta di Raffaello Baldini e nel 2016 di Giuliana Rocchi) e un triplice sforzo di recuperare il valore culturale del Circolo per raccontarlo - soprattutto ai giovani - attraverso un linguaggio più attuale, come quello della musica rap, della street art, dei social network, delle arti sceniche contemporanee.

A cura di Fabio Biondi e Stefano Bisulli, il Cantiere di quest’anno porta il metaforico titolo “Gli uomini sono strade” - che è anche il titolo di un libro di Nino Pedretti - suggerendo il concetto dell’esistenza come cammino, percorso, e proponendo la visione di una nuova cultura popolare di ricerca, un “cantiere” per l’appunto, che mantiene viva la tradizione ma evita processi nostalgici e pura commemorazione della poesia dialettale santarcangiolese e segue invece la scia simbolica dell’antico verbo greco “poieo” in cui affonda le radici il vocabolo “poesia” e che significa, letteralmente, costruire.

“Nel momento in cui Santarcangelo è terra nativa di poeti importanti - precisa Fabio Biondi - parlare di cantiere poetico significa da una parte comprendere che questa presenza letteraria così radicata nel passato non è stato il frutto di una coincidenza, dall’altra trasmettere nel futuro queste radici e farle crescere. Ancora oggi siamo dell’idea che la poesia intercetti pubblico e le sue esigenze e abbia ancora molto da raccontare. Per questo sottolineo che non è una manifestazione nostalgica”.

Tra numerosi eventi del cartellone e numerosissimi ospiti della manifestazione, tra artisti, poeti e studiosi che negli anni hanno sviluppato un rapporto fecondo con la poesia, il dialetto e la cultura popolare, citiamo in primis “Al vòusi (Le voci)”, un reading pubblico - programmato per martedì 12 settembre, alle 21.30, nella cornice di piazza Nicoletti - nel corso del quale saranno i cittadini santarcangiolesi a omaggiare il poeta romagnolo. Oltre la lettura dei racconti di Nino Pedretti, questa “chiamata pubblica” prevede gli intermezzi musicali di Tiziano Paganelli.

La sera successiva, mercoledì 13 settembre, al Teatro Il Lavatoio verrà sviscerato il rapporto tra poesia e teatro. Alla serata, dal titolo “Poesie che si affacciano sui teatri - Nino Pedretti, Raffaello Baldini, Tonino Guerra”, parteciperanno Giuseppe Bellosi, Paolo Nori, Francesco Gabellini, Marco Martinelli e Ivano Marescotti. Al termine dell’incontro Marescotti leggerà alcuni racconti di Nino Pedretti, mentre prima dell’incontro, nel tardo pomeriggio, sul balcone del palazzo comunale, l’attore romagnolo leggerà il suo “Monologo sulla Romagna”.

Giovedì 14 settembre, sempre al Lavatoio, l’attrice Premio Ubu Elena Bucci presenterà un’inedita lettura in musica tratta da “Nella favola siamo tutti. Fantastorie” di Nino Pedretti. Con la sua compagnia Le Belle Bandiere ci saranno anche Nicoletta Fabbri e Daniela Piccari, accompagnate dalle musiche di Dimitri Sillato (tastiere e violino).

Venerdì 15 settembre in piazza Ganganelli arriverà il cantautore Alessandro Mannarino e parlerà del suo “incontro” con la poesia di Nino Pedretti e di come Pedretti abbia influenzato la sua ricerca artistica.

Sabato 16 settembre, nel pomeriggio, sempre in piazza Ganganelli, il giornalista de “la Repubblica” Pierfrancesco Pacoda intervisterà il rapper italiano Militant A (Assalti Frontali), in occasione dell’uscita della nuova edizione del suo libro “Soli contro tutto”. In tarda serata dello stesso giorno, nella stessa piazza, verrà proposta un’originale miscela di poesia e hip-hop, in un concerto dal vivo di Murubutu.

Domenica 17 settembre in piazza Ganganelli la cantautrice Nada Malanima, dialogando con la giornalista Vera Bessone, parlerà della sua vita spesa tra scrittura e musica.

Per tutta la durata della manifestazione (e oltre), nella Biblioteca Baldini è allestita una mostra di disegni del graphic journalist ravennate Gianluca Costantini, tratta dal suo ultimo libro, pubblicato quest’anno: “Le cicatrici tra i miei denti, antologia e ritratti di poesia in lotta”. La mostra è a ingresso libero e si potrà visitare fino al 30 settembre, negli orari di apertura della Biblioteca.

Il Cantiere ripresenta anche Eron e la poesia visiva che da tre anni accompagna i lavori della manifestazione: per questa edizione lo street artist realizza sulle pareti del Palazzo della Poesia (ex biblioteca) la sua terza opera murale dedicata alla città di Santarcangelo. Inoltre, all’interno dell’edificio sono visibili a rotazione continua (dalle 20 alle 23) i filmati che documentano l’artista al lavoro, durante le sue creazioni realizzate in varie parti del mondo.

Quest’anno la manifestazione propone anche due progetti del tutto nuovi: Il Cantiere poetico dei bambini e dei ragazzi, dedicato alle nuove generazioni, con attività pensate per attori, giornalisti, poeti e illustratori del futuro, e le Cartoline poetiche da Santarcangelo, un’iniziativa dedicata alle “poesie del quotidiano”, alle persone e ai luoghi di Santarcangelo e al legame fra poesia e fotografia. L’iniziativa, che parte dalla domanda “si può catturare la poesia in uno scatto fotografico?”, è rivolta a tutta la comunità (ai cittadini e ai fotografi, per diletto e per professione), con l’obiettivo di realizzare un racconto collettivo di immagini poetiche. Si può partecipare pubblicando gli scatti su Facebook o su Instagram con l’hashtag #CartolinePoetiche, oppure inviandoli all’indirizzo e-mail santarcangelo@cantierepoetico.org .

Il Cantiere poetico per Santarcangelo comprende anche la rassegna (In)Verso, curata da Massimo Roccaforte per l'Associazione culturale Interno4, che si svolgerà dal 15 al 17 settembre nella cornice della Mostra-mercato dell’editoria indipendente (allestita in piazza Ganganelli). Il programma della rassegna prevede incontri con gli autori e gli editori, presentazioni di libri e concerti.

Il “Cantiere poetico per Santarcangelo” è un progetto promosso e sostenuto dal Comune di Santarcangelo, dalla Focus - Fondazione Culture Santarcangelo e dall’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, con la collaborazione dell’Associazione culturale l'Arboreto di Mondaino e dell’Associazione culturale Interno4.

 

Informazioni:

www.cantierepoetico.org

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/09/2017 — ultima modifica 12/09/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it