domenica 23.07.2017
caricamento meteo
Sections

Le città visibili

La rassegna teatrale e musicale è a Rimini dal 21 luglio al 5 agosto
Le città visibili

Le città visibili

Per il quarto anno consecutivo torna a Rimini  “Le città visibili”, curata da Tamara Balducci e Linda Gennari. La rassegna teatrale e musicale, dal 21 luglio al 5 agosto, offre al pubblico una serie di eventi a ingresso gratuito.Tra sambuchi, fichi e piante di ogni genere cresciute attorno alle rovine di un antico edificio, la rassegna si svolge nel suggestivo Giardino di Palazzo Lettimi (in via Tempio Malatestiano).

Il programma spazia dalla musica al teatro, alla poesia e tra gli eventi segnaliamo gli appuntamenti con il Parco Poesia, un festival di poesia giovane che quest’anno affronta il tema del simbolico immerso nel reale. Con il titolo “La poesia è un drago”, sabato 22 e domenica 23 luglio,  due giornate di incontri e reading con i grandi nomi della poesia contemporanea e con molti giovani autori provenienti da tutta Italia. Tra gli ospiti, il 22 luglio alle 21.30, Maria Antonietta, protagonista della nuova scena musicale italiana, che presterà la sua voce alle grandi poetesse della storia, da Emily Dickinson a Marina Cvetaeva, Cristina Campo, Sylvia Plath, Wislawa Szymborska.

In apertura della rassegna, venerdì 21 luglio, un originale concerto del Novensemble, una “costola” dell’Orchestra Senzaspine, che offrirà al pubblico una miscela di musica classica, popolare, pop, rock e colonne sonore, aggiungendo alle contaminazioni musicali un gioco tra gli strumenti e il pubblico. L’orchestra sarà diretta dal primo violino Daniele Negrini.

Tra gli altri appuntamenti con la musica, segnaliamo la serata dal titolo “Parole che si cantano anche”, programmata per martedì 1 agosto. Si tratta di un concerto di musica leggera polimorfa per voce e pianoforte, sul palco Nada accompagnata da Julian Barrett al pianoforte.

Tra gli appuntamenti teatrali, martedì 25 luglio nel Giardino Lettimi arriveranno i “Pinocchi” dei Progetti Carpe Diem / la Casa delle Storie, ovvero Michele Demaria, Giusi Merli e Mila Vanzini, che giocheranno in maniera molto libera e irriverente con i personaggi e le situazioni del libro di Collodi. L’idea del  regista Andrea Macaluso, tra immagini, frammenti, suoni e metamorfosi, è quella di mettere in scena  tanti Pinocchi, che di volta in volta  avranno voci e corpi diversi, ma anche una sorta di moltiplicazione del  romanzo in un gioco caleidoscopico di specchi deformanti che dà origine a tanti piccoli nuovi racconti, ai tanti Pinocchi delle nostre paure e dei nostri sogni.

Giovedì 3 agosto sarà la volta di uno spettacolo selezionato dal bando “L’Italia dei Visionari” 2016/2017, vincitore del premio Endas Emilia Romagna 2016 (Bologna) e del Doit Festival 2017 (Roma) per la migliore interpretazione. Si tratta di una creazione dell’Ippogrifo Produzioni scritta e diretta da Alberto Rizzi e interpretata da Chiara Mascalzoni, un monologo fantasioso  che attraverso la vicenda inventata di Papa Elisabetta I, la prima donna a salire sul soglio di Pietro, affronta il tema vero del maschilismo occidentale. Questa insolita rilettura del ruolo femminile, con il racconto delle esclusioni e delle discriminazioni a cui la donna è sottoposta fin dai tempi di Eva, porta il titolo “Sic transit gloria mundi” e punta a spiazzare il pubblico facendolo molto ridere e altrettanto pensare.

Il 26 e il 28 luglio e poi di nuovo il 2 e il 4 agosto, il festival offre anche visite guidate - tenute dai giovani archeologi dell’Associazione Kantharos - alla scoperta delle storie, delle curiosità e dei segreti nascosti nei luoghi storici di Rimini. Il luogo di partenza per ogni percorso sarà il Giardino di Palazzo Lettimi e le camminate illustrative, che inizieranno alle 21.30, dureranno un’ora e trenta minuti ciascuna. La prima condurrà al Museo della Città e si concentrerà sulla produzione artistica del tardo Cinquecento; la seconda, tra i diversi palazzi storici, al valore storico abbinerà il significato attuale, l’utilizzo dei palazzi storici e la loro importanza nella vita quotidiana. La terza camminata svelerà i reperti e le suggestioni del teatro della città romana di Ariminum; la quarta le particolarità storiche del palazzo Lettimi, dalle vicende che lo hanno coinvolto ai personaggi che ne furono ospiti.

Per tutta la durata della rassegna, un gruppo di ragazzi under 35 guidati dal professor Giovanni Boccia Artieri gestirà un blog del festival per raccontare tutto quello che accadrà in questa edizione attraverso i social.

Nei locali riminesi di Innovation Square (in Corso D’Augusto), martedì 25 luglio dalle 11 alle 18, sempre nell’ambito della rassegna “Le città visibili”, si svolgerà un convegno che coinvolgerà numerose realtà nazionali che si occupano di formazione del pubblico nella fascia under 30. Con il titolo “Generazione X: mutazioni della scena teatrale italiana”, il meeting focalizzerà l’attenzione sui processi di azioni culturali partecipate, interrogandosi sulle “best practices” di audience development e engagement e sulle attività nazionali di guida alla visione e spettatori attivi. Gli incontri saranno condotti da Fabio Biondi, Lorenzo Donati e Sergio Lo Gatto.

 

Informazioni:

www.lecittavisibili.com

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/07/2017 — ultima modifica 17/07/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it